Recommend
2 
 Thumb up
 Hide
1 Posts

Dreaming Spires» Forums » Reviews

Subject: Recensione di Dreaming Spires (italiano) rss

Your Tags: Add tags
Popular Tags: [View All]
Mauro Di Marco
Italy
Firenze
Unspecified
flag msg tools
badge
Visit www.ilsa-magazine.it
Avatar
mbmbmbmbmb
NOTA: Questo articolo è comparso la prima volta su ILSA (Informazione Ludica a Scatola Aperta), http://www.ilsa-magazine.it/

Tema affascinante per Dreaming Spires, titolo in cui i giocatori rivivono i fasti della città universitaria di Oxford, costruendo collegi, ospitandovi personaggi storici che l'hanno resa famosa e competendo per la fama, misurata in termini di conoscenza di 7 materie accademiche e progressione su 3 indici di reputazione. Buoni i materiali: robusti e con illustrazioni evocative, così come lo sono i testi di ambientazione delle carte e del manuale.

Una partita si svolge su 4 ere, per un totale di 8 turni. All'inizio di ogni era i giocatori pescano 4 monete (i cui valori variano da 1 a 3) da un sacchetto, mentre vengono preparati i personaggi dell'epoca. In ogni turno, dopo aver scoperto una carta evento, i giocatori (a partire dal Cancelliere) eseguono 4 azioni, scelte fra le seguenti:
a) Costruire un edificio, scegliendolo fra i 10 dell'espositore, per estendere il proprio collegio. Rispettando i vincoli di piazzamento (e pagando gli eventuali costi di acquisto), i giocatori cercano di ripristinare dei simboli, senza i quali non si possono reclutare i personaggi storici.
b) Ospitare un personaggio dell'era attuale, scegliendolo fra i 5 esposti. Il proprio collegio deve avere almeno i simboli riportati sulla carta personaggio per poterla prendere.
c) Usare (una volta per turno) una delle due abilità di uno dei personaggi ospitati. In genere la prima aumenta la conoscenza in una delle materie, la seconda varia da personaggio a personaggio ma solitamente permette una qualche manipolazione degli indici di valutazione.
d) pescare una moneta dal sacchetto.
Il turno si conclude con l'evento, che di solito mette all'asta (il cui tipo è indicato dalla carta) l'avanzamento in una delle reputazioni. Il vincitore diviene anche il nuovo Cancelliere.

Alla fine di ogni era i personaggi abbandonano i collegi e viene effettuata una valutazione che determina il miglior istituto (assegnando una moneta alla fine delle prime 3 ere, la vittoria nella quarta). Si tratta della parte più innovativa del gioco: per ogni coppia "materia+indice di reputazione", si identifica il giocatore con il massimo punteggio cumulato, e gli si assegna il controllo. Quindi si determina il giocatore con il minor numero di coppie controllate; questi viene eliminato dalla competizione, e gli spazi da lui occupati vengono riassegnati ai giocatori rimanenti, con analogo criterio. Attraverso una serie di eliminazioni successive si determina il vincitore.

Come spesso succede con il finanziamento dal basso, Dreaming Spires è un prodotto con luci ed ombre. Da una parte si ha un tema accattivante, bei materiali, un'idea (quella della valutazione di fine era) brillante e innovativa. Dall'altra si riscontrano innegabili debolezze, come l'elevata varianza nella pesca dei denari (che può variare da 4 a 12, 3 volte tanto!), necessari per costruire e competere nelle aste. Situazione analoga si ha con i personaggi e le tessere edifici, che in alcune combinazioni rischiano di vanificare interamente uno degli 8 turni a disposizione. La scarsa trasparenza e relativa macchinosità del meccanismo di voto non aumentano la fluidità del gioco, che rischia la paralisi da analisi con giocatori che intendono decifrare la posizione sugli indici per massimizzare il vantaggio e pianificare le mosse. Riassumendo, una brillante idea non perfettamente realizzata.
2 
 Thumb up
 tip
 Hide
  • [+] Dice rolls
Front Page | Welcome | Contact | Privacy Policy | Terms of Service | Advertise | Support BGG | Feeds RSS
Geekdo, BoardGameGeek, the Geekdo logo, and the BoardGameGeek logo are trademarks of BoardGameGeek, LLC.