Recommend
 
 Thumb up
 Hide
1 Posts

Port of Piraeus» Forums » Reviews

Subject: Prime impressioni su Port of Piraeus (italiano) rss

Your Tags: Add tags
Popular Tags: [View All]
Mauro Di Marco
Italy
Firenze
Unspecified
flag msg tools
badge
Visit www.ilsa-magazine.it
Avatar
mbmbmbmbmb

NOTA: Questo articolo è comparso la prima volta su ILSA (Informazione Ludica a Scatola Aperta), http://www.ilsa-magazine.it/


Nel ruolo di mercanti provenienti da terre lontane, carichi di merci prodotte nel proprio paese natale, i giocatori di Port of Piraeus (PoP) potranno mettere alla prova le loro abilità di commercio, decidendo quando comprare e quando vendere merci, sapendo che le loro decisioni influenzeranno il valore di mercato dei beni.

Spartani ma efficaci i materiali: una piccola plancia con indicatori di prezzo per i 6 tipi di merce, 80 monete in due tagli, 66 carte bene che si differenziano per la provenienza (il colore) e il tipo di bene (soggetto della carta), 6 gettoni indicatori di acquisto o vendita.

Ogni giocatore parte con una somma di denaro e 8 carte bene (2 copie di ciascuno dei 4 tipi di beni prodotti in patria; con una leggera asimmetria nelle condizioni di partenza). Una partita si sviluppa su 8 turni, a cui partecipano sia i giocatori che i Greci del Pireo (il gioco stesso, che dispone di un mazzo di 18 carte - 3 per tipo).

La struttura del turno è la seguente:
- apertura del mercato: vengono scoperte 3 carte merce dal mazzo dei Greci;
- pianificazione: ogni giocatore sceglie segretamente se giocare il ruolo di acquirente o venditore, indicandolo con il gettone. Se i venditori sono la maggioranza, i prezzi delle merci presenti sulle carte appena rivelate diminuiscono; se i compratori sono la maggioranza, tali prezzi aumentano; in caso di parità i prezzi delle merci presenti aumentano, quelli dei beni non rappresentati diminuiscono;
- esposizione dei beni: soltanto i venditori scelgono segretamente 0, 1 o 2 carte bene da vendere, e le rivelano simultaneamente. Ancora una volta, i beni selezionati calano di prezzo, quelli non esposti dai mercanti aumentano;
- negoziazione: per tre volte, tutti i giocatori utilizzano il gettone per indicare la carta merce che intendono comprare. Se la proposta di acquisto è unica l'acquirente paga il costo di mercato al venditore, altrimenti viene condotta un'asta cieca fra i contendenti (in caso di pareggio il bene resta invenduto);
- chiusura del mercato: ogni bene Greco invenduto viene messo sotto tale mazzo, ogni bene invenduto dei giocatori viene acquistato dalla banca al prezzo di mercato.

Dopo 8 turni, ai soldi guadagnati durante il gioco, i mercanti sommano i valori delle combinazioni di beni acquistati, che devono essere tutti uguali per un parametro (colore o tipo) e diversi per l'altro: 27, 40, 55, 70 punti per combinazioni di 3, 4, 5, 6 carte. Carte singole valgono 6 punti.

PoP è una variante del classico gioco di mercato, incentrato attorno all'acquisto a basso prezzo e la vendita a prezzo alto. La manipolazione dei prezzi non è assolutamente intuitiva, e richiede un minimo di attenzione per non far collassare tutti i prezzi verso il valore minimo. Da notare che, in meno di 5 giocatori, c'è asimmetria sia sul numero di pezzi venduti per ciascun bene che sulla facilità di realizzare un tipo di combinazione (stesso colore) rispetto all'altro (stesso tipo di bene). Da provare, se siete appassionati del genere.
 
 Thumb up
 tip
 Hide
  • [+] Dice rolls
Front Page | Welcome | Contact | Privacy Policy | Terms of Service | Advertise | Support BGG | Feeds RSS
Geekdo, BoardGameGeek, the Geekdo logo, and the BoardGameGeek logo are trademarks of BoardGameGeek, LLC.