Recommend
1 
 Thumb up
 Hide
1 Posts

Race to the North Pole» Forums » Reviews

Subject: Prime impressioni su Race to the North Pole (italiano) rss

Your Tags: Add tags
Popular Tags: [View All]
Mauro Di Marco
Italy
Firenze
Unspecified
flag msg tools
badge
Visit www.ilsa-magazine.it
Avatar
mbmbmbmbmb
NOTA: Questo articolo è comparso la prima volta su ILSA (Informazione Ludica a Scatola Aperta), http://www.ilsa-magazine.it/


Editore ed autori debuttanti per questo Race to the North Pole (RttNP), gioco di corse che ruota attorno ad un'arguta meccanica collegata ad una originale soluzione componentistica. Elemento centrale del gioco è la plancia principale, composta da due tabelloni imperniati uno sull'altro, liberi di ruotare. Il gioco si svolge sulla plancia superiore, che presenta delle finestre trasparenti su quella inferiore. Il risultato è un labirinto la cui struttura varia al ruotare della plancia.

A supporto del gioco è disponibile anche un'applicazione (Dized) che introduce nuove varianti e contenuti extra accessibili con un qualsiasi smart device, mentre nella scatola sono a disposizione carte e gettoni bianchi, per personalizzare la propria scatola.

Scopo del gioco è portare i propri segnalini al Polo Nord prima degli avversari. Il turno di gioco è estremamente semplice: il giocatore attivo sposta un segnalino dalla propria nave (se ne ha ancora) al campo base, poi seleziona una delle carte disponibili (note a tutti, perché poste scoperte sulla plancia rotante) e ne esegue l'azione corrispondente con uno dei segnalini. Tali azioni possono essere di spostamento, di attacco, o di spostamento e attacco. Lo spostamento deve essere fatto senza attraversare i crepacci (le "pareti" del labirinto); l'attacco permette di rimandare la pedina di un avversario sulla sua nave, rivelando contemporaneamente un gettone che può essere un evento negativo oppure un equipaggiamento (abilità monouso del tipo: muoviti attraversando un crepaccio, fai un'altra mossa nello stesso turno, conserva una carta da usare in futuro o rendi una tua pedina inattaccabile finché non si muove). Oltre all'azione, ogni carta riporta un certo numero di punti tempesta: quando la somma dei punti delle carte giocate raggiunge un certo valore, la plancia viene ruotata e le carte giocate messe negli scarti. Il turno si conclude riempiendo gli eventuali spazi vuoti per le carte sul solo lato della plancia del giocatore attivo. Il gioco termina istantaneamente quando un giocatore porta al Polo Nord la sua ultima pedina, vincendo la partita.

RttNP è un gioco scanzonato, più vicino a Wacky Races che non all'evento storico dell'esplorazione dell'Artico: l'impostazione grafica, la semplicità delle regole, la brevità dei turni e il ruolo centrale occupato dall'interazione diretta di tipo distruttivo collocano il gioco nel gruppo di giochi per famiglie leggeri e interattivi, idealmente a fianco di titoli come Escape From Atlantis.

Per mantenere la durata del gioco pressoché immutata al crescere del numero di giocatori, le pedine controllate si riducono con più giocatori: in due giocatori (con 4 pedine da traghettare) e un maggior controllo sulle carte disponibili nel prossimo turno, RttNP si rivela un interessante gioco di corse; in 4, con due sole pedine su cui applicare le carte, il caos e la fortuna delle pescate diventa dominante. Il tutto subordinato, ovviamente, alla crudeltà che i compagni di gioco sapranno infliggervi...
2 
 Thumb up
 tip
 Hide
  • [+] Dice rolls
Front Page | Welcome | Contact | Privacy Policy | Terms of Service | Advertise | Support BGG | Feeds RSS
Geekdo, BoardGameGeek, the Geekdo logo, and the BoardGameGeek logo are trademarks of BoardGameGeek, LLC.